Utenti

 

PARROCCHIA SAN LORENZO MARTIRE DEI ROGAZIONISTI – TREZZANO S/N (MI)

Quadro generale

1. Storia della comunità

La Parrocchia di San Lorenzo martire in Trezzano sul Naviglio viene istituita il 1 dicembre del 1963. Fin dal suo nascere la Parrocchia è affidata ai Padri della Congregazione del Santissimo redentore (Redentoristi). La chiesa viene costruita negli anni 1963 -1964 su disegno dell'architetto Franco Negri. Finita al rustico è aperta al culto il 28 maggio del 1964. A completamento dei lavori, l’8 novembre 1981, viene consacrata dall’Arcivescovo Card. Carlo Maria Martini, forse la prima delle Chiese in Diocesi.

Fa parte della Circoscrizione ecclesiastica Arcidiocesi di Milano nella Zona Pastorale VI Melegnano - Decanato di Cesano Boscone

Lo sviluppo della Parrocchia seguirà il medesimo processo sociologico e culturale di quasi tutto l’hinterland milanese: gli anni del boom economico la migrazione dal nord-est, centro e soprattutto sud dell’Italia. Da tranquillo paese agricolo, in pochissimi anni, Trezzano si trasforma notevolmente[1].

  • La successione dei parroci Redentoristi:
P. Pompilio  Di Maria (1963 - 1969)
P. Tito        Furlan (1969 - 1987)
P. Franco    Meneghel (1987 - 1991)

 

 


Il 1° settembre 1991 i Redentoristi cedono il testimone della cura pastorale della Parrocchia ai Padri Rogazionisti, Congregazione fondata nel 1897, da Sant’Annibale Maria Di Francia, il cui carisma scaturisce dall’invito di Gesù a pregare il Padrone della messe perché manda operai alla sua messe… : la preghiera e l’azione per le vocazioni ed essere per primi i “buoni operai della messe” nel diffondere la parola del vangelo e spezzare il pane della carità, con la promozione umana e spirituale soprattutto dei piccoli e dei poveri.

Il 2 febbraio 1992 l’Arcivescovo Carlo Maria Martini fa la Visita Pastorale alla nostra Parrocchia, a pochi mesi del passaggio del testimone dai Redentoristi a noi Rogazionisti, da Pastore accorto ci disse queste testuali parole: “Ora, non dite: giriamo pagina ma, a che pagina siamo”.

Sono trascorsi ventisei anni di presenza rogazionista e cinquanta dalla fondazione della Parrocchia, noi crediamo di aver ben interpretato il pensiero dell’Arcivescovo Martini perché, senza distogliere lo sguardo in avanti, tutti insiemi, sacerdoti, suore e operatori pastorali laici, il nostro cammino è proseguito da ciò che,  grazie a Dio, è stato fatto prima.

La ricorrenza del cinquantesimo di fondazione della Parrocchia ci riempie il cuore di gioia e di gratitudine verso il Signore  e  verso tutti quelli che (sacerdoti, consacrati e laici) hanno lavorato senza risparmiarsi e pregato per questa vivace comunità parrocchiale che ha cambiato in buona parte e resa “più grande” la cittadina di Trezzano sul Naviglio. 

La successione dei parroci Rogazionisti:
 
P. Alberto Oselin (1991 - 1995)
P. Luigi Lazzari 
(1995 - 2004)
P. Francesco Pignatelli (2004 - 2009)
P. Renato Spallone (2009 - 2016)
P. Paolo Formenton (2016 -  ...)

 

 

 

 

 


2.  Situazione sociale

La nostra Parrocchia conta 11.500 abitanti con ca. 4200 famiglie. Il quartiere è in espansione per la recente creazione di due nuovi complessi residenziali: a questa cifra, infatti, bisogna aggiungere oltre 300 famiglie con ca. 1000 abitanti in più. La parrocchia nel suo insieme vive i problemi pastorali, sociologici e culturali della “grande periferia” e della città secolarizzata. In questi ultimi anni nuove e giovani famiglie continuano a trasferirsi qui da Milano e dintorni (la zona è più tranquilla, buoni collegamenti, e alloggi appena meno cari). Intensa è anche l’immigrazione di stranieri, per lo più extracomunitari. È da verificare e valutare la loro effettiva integrazione nella città e nella comunità parrocchiale.

Al contrario della Parrocchia “storica” di Trezzano, Sant’Ambrogio, la nostra non è dunque una parrocchia di “paese”: oltre ad essere molto “estesa” geograficamente non ha né tradizioni né tessuto sociale ben definito. Stenta a prendere radici qualsiasi attività culturali e sociali organizzata dal Comune, dalle associazioni e dalle parrocchie stesse. La partecipazione agli eventi è sempre minima rispetto alla popolazione. Tuttavia il territorio della parrocchia sta lasciando la precedente immagine di quartiere ‘dormitorio’ per assumere quella di zona residenziale con servizi più strutturati.

Le opere presenti e caratteristiche della comunità sono essenzialmente: il servizio pastorale in Parrocchia e quello in Oratorio dove l’impegno a vivere il nostro carisma rogazionista trova i suoi ambiti concreti: nella vita personale, nella Chiesa con la cura e l’amministrazione dei Sacramenti, nella predicazione, nella catechesi, nei gruppi, nelle visite alle famiglie e nell’animazione in genere; in Oratorio, in particolare, che costituisce un’importante frontiera d’apostolato. Molto si fa e molto ancora si potrebbe fare.. Inoltre l’impostazione pedagogica e pastorale degli Oratori milanesi offre una notevole esperienza e arricchimento nel campo dell’animazione e di pastorale giovanile.

Molta speranza si nutre per gli imminenti inizi di nuove strutture per l’ampliamento del Progetto Nuovo Oratorio. E’ già stato realizzato il Campo di calcetto a cinque in erba sintetica. I lavori veri e propri delle sei aule per il catechismo, il salone Polifunzionale con bar/cucina al p. terra e l’alloggio al primo piano dovrebbero iniziare nella prossima primavera. Opere caratteristiche della Casa, oltre la Parrocchia e l’Oratorio con le classi di catechesi d’iniziazione cristiana ( circa 400 ragazzi e una ventina di catechisti), catechisti battesimali, gruppi di preadolescenti/adolescenti, giovanissimi e gruppo fidanzati, Associazione Scout e sportiva, Gruppo RnS e della Divina Misericordia, inoltre il  Gruppo delle Famiglie Rog, -  giovani del gruppo ERA e gli Ex Allievi Rogazionisti di Milano.

 

NOTA 1 – Suore Serve di Gesù Cristo. Dal 1993, anno della chiusura della loro Scuola Materna, svolgono in Parrocchia il proprio apostolato le Suore Serve di Gesù Cristo, fondate ad Agrate nel 1912 da Ada Bianchi, che traggono l’ispirazione del proprio apostolato dall’urgenza di “appagare la sete del Cuore di Gesù” e dalla contemplazione dell'Eucarestia. Attualmente la comunità, che trovasi in un condominio a carico della Parrocchia, è formata da Sr. Enrica Motta, superiora e Sr. Fulvia Bruni. L’Apostolato delle suore si svolge principalmente nell’ambito dell’Oratorio e catechesi. Esse sono attive anche come Ministre Straordinarie della Comunione e nella visita agli ammalati e anziani. Collaborano per la Benedizione Natalizia delle famiglie e sono presenti in Caritas e nelle Commissioni Pastorali. Il rapporto con le Suore è molto buono.

 

                                                                                  P. Renato Spallone – Parroco - Novembre 2012

Share

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo